Serrara Fontana

Il Comune più alto dell’isola, con il minor numero di abitanti.
Nasce dalla fusione dei due centri abitati, Serrara e Fontana, che un tempo erano villaggi di contadini e pastori. E infatti nel Comune sono ancora visibili le tracce dell’antica cultura contadina isolana. Il territorio è formato da diverse frazioni. La più nota è sicuramente sul versante marino, S. Angelo, un antico borgo di pescatori ora rinomata meta turistica.

Fontana: il nome deriva secondo molti da un’antica fonte di acqua potabile, poi andata distrutta. A poca distanza dalla piazza di Fontana, parte un sentiero dal quale si può raggiungere facilmente la vetta del Monte Epomeo. Da qui si potrà ammirare una vista meravigliosa e visitare l’Eremo di S. Nicola, antico esempio di architettura rupestre.
Da segnalare la località Calimera, nome di derivazione greca che vuol dire  “buon giorno”, perché è da lì che si vede sorgere il sole. Anticamente era un insediamento di pastori
Serrara: nel centro abitato, una bella piazza panoramica, il cosiddetto belvedere, dalla quale si possono ammirare S: Angelo e Forio e con il buon tempo tutto il Golfo di Napoli.
A Cavascura sono i “pizzi bianchi”, caratteristici massi di tufo.
Al Ciglio, lungo la strada per S. Angelo si potrà notare una singolare costruzione su un tufo verde, che sembra quasi in bilico: la costruzione è nota come “la casa nella pietra”, oggi trasformata in ristorante.
E’ impossibile concludere la passeggiata a Serrara senza un caffè o un gelato nella mitica “piazzetta” di S.Angelo.

Coordinate: 40°43′0″N 13°54′0″E
Altitudine: 366 mt s.l.m.
Superficie: 6.69 Km
Abitanti: 3.205
Densità: 479.07 ab/km
Comuni confinanti: Forio, Casamicciola Terme, Barano d’Ischia
Cod. postale: 80070
Prefisso: 081
Nome abitanti: Serraresi
Patrono: San Vincenzo Ferreri
Giorno festivo: 5 Aprile